Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Scelta per evitare il fumo tra i giovani

Inghilterra stretta contro il fumo: vietati i distributori


Inghilterra stretta contro il fumo: vietati i distributori
02/10/2011, 11:10

LONDRA - Vita dura per i fumatori in Inghilterra, dove il ministero della Sanità ha deciso di rimuovere tutti i distributori di sigarette per ridurre il consumo di tabacco tra i giovani e aiutare i fumatori che hanno deciso di smettere. Infatti per il ministero della Sanità britannico questo divieto rappresenta un passo fondamentale per evitare che altri giovani incorrano in questo vizio: "I distributori automatici di sigarette sono spesso lasciati senza sorveglianza permettendo l'uso anche ai giovanissimi" , mentre nel Paese è vietato vendere tabacco ai minori di 18 anni.
L’importanza di questo divieto è spiegata anche da una recente ricerca della British Heart Foundation, infatti, circa l'11% dei fumatori regolari tra gli 11 e i 15 anni in Inghilterra e nel Galles si approvvigionano ai distributori automatici, disponibili nei pub e nelle discoteche, e quindi  per l’organizzazione "Vietare queste macchinette elimina una facile fonte di approvvigionamento di sigarette per i giovani fumatori".
Il governo inglese non è nuovo ad iniziative drastiche contro il fumo, difatti, già nel 2008 fece discutere la scelta di sostituire le classiche scritte di avvertenza del pericolo del fumo sui pacchetti di sigaretta con le immagini shockanti che mostrano gli effetti del fumo: denti rovinati, polmoni e cancro alla gola. Secondo l’OMS (Organizzazione mondiale della sanità ), ogni anno nel mondo l’uso del tabacco è la principale causa prevenibile di morte.La cifra delle vittime, che muoiono per malattie correlate al tabacco (malattie cardiache, ictus, tumori, patologie respiratorie, ecc.) ammonta a circa 5 milioni, senza includere le oltre a 600.000 persone - più di un quarto dei quali bambini - che muoiono per l'esposizione al fumo passivo.

Commenta Stampa
di Zaccaria Pappalardo
Riproduzione riservata ©