Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Elisabetta II, sessant'anni con lo scettro

Inglesi: la regina capisce nostri problemi, politici no

Per Cameron con la monarchia il paese è più stabile

Inglesi: la regina capisce nostri problemi, politici no
03/06/2012, 19:06

LONDRA - ''Senza la monarchia, la Gran Bretagna perderebbe in stabilità''. Non ha dubbi il primo ministro David Cameron nel giorno della parata di mille navi sul Tamigi per il Giubileo di Diamanti della Regina Elisabetta. Un recente sondaggio Ipsos-Mori ha rivelato che 80 sudditi su 100 vogliono un re o una regina ''per sempre''. Ma soprattutto vogliono lei, Elisabetta. Un altro sondaggio, del Sunday Times, sostiene che i sudditi vogliono lei perche' ''la Regina capisce i loro problemi piu' dei politici''.
Si svolge sotto la pioggia, intanto, la Diamond Jubilee River Pageant, la parata di una flottiglia di mille imbarcazioni, evento culmine dei quattro giorni di festaggiamenti. Nonostante il cieo grigio centinaia di migliaia di persone sono accorse lungo le rive del Tamigi per assistere al passaggio della parata, un percorso di 10 chilomentri. Tantissimi cittadini e squilli di tromba hanno accolto che Elisabetta II sulla Royal Barge , l'imbarcazione reale tutta dorata e decorata con 10mila fiori, a bordo del quale solca il Tamigi con il marito, il principe Filippo, e nipoti, il principe William e la moglie, e il principe Harry.
Al suo arrivo all'imbarcadero la attendono il figlio Carlo con la moglie Camilla che ha accennato un inchino di fronte alla monarca britannica. Ad illuminare il grigiore del tempo la bellissima neo principessa Kate Middleton, tutta in rosso dalla testa in giù: si è fermata a salutare i 'sudditi' e stringere mani prima di imbarcarsi.
Molti inglesi hanno trascorso la notte sotto ombrelli e coperti da impermiabili, pur di non perdere i posti migliori per vedere questo evento descritto come il più spettacolare a Londra negli ultimi 350 anni. La parata è una vera e propria regata storica dal momento che sfilano imbarcazioni storiche di diverse epoche.
 Non mancano comunque i gruppi anti-monarchia, come il gruppo Republic che ha promesso che porta una protesta "rumorosa, coraggiosa e provocatoria" alla Torre di Londra dove la regata si conclude con l'inno God Save the Queen.

Commenta Stampa
di GB
Riproduzione riservata ©