Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

I primi dati danno Ahmadinejad al 10%

Iran, affluenza alle elezioni al 65%, vittoria attesa di Khatami


Iran, affluenza alle elezioni al 65%, vittoria attesa di Khatami
03/03/2012, 14:03

TEHERAN (IRAN) - E' andato bene il primo turno delle elezioni in Iran, dove si eleggono i 290 membri del Parlamento. L'affluenza è stata più alta di quella delle elezioni del 2008 (65% contro il 55% di quattro anni fa), anche se i seggi hanno chiuso alle 23 e non alle 18, come inizialmente previsto. Questo ha fatto dire a qualcuno che il ritardo è stato motivato proprio dal fatto di dare la possibilità a più persone di andare a votare per alzare il quorum.
I risultati definitivi si dovrebbero conoscere tra domenica e lunedì, ma i sondaggi danno un netto vincitore e un perdente. Il vincitore dovrebbe essere Khamenei: il suo partito Motahed dovrebbe aver superato il 40% dei seggi, risultando di gran lunga il primo partito del Paese. Lo sconfitto è il Presidente Mahmoud Ahmadinejad: il suo partito Paidari retrocede, cedendo almeno 30 o 40 seggi e scendendo al 10% circa. Se i risultati confermeranno i sondaggi, Ahmadinejad si troverà completamente bloccato, in merito alle leggi da far approvare; mentre Khamenei potrebbe cominciare a lavorare per vincere le prossime elezioni presidenziali che si terranno nel 2013 e che non vedranno l'attuale presidente ricandidarsi, per aver raggiunto il limite di due mandati.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©

Correlati