Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Il primo può contare su religiosi, militari e sugli "ultimi"

Iran al voto: il conservatore Raisi sfida Rohani


Iran al voto: il conservatore Raisi sfida Rohani
19/05/2017, 17:34

TEHERAN (IRAN) - Alle 8 di questa mattina (ora locale) sio sono aperte le urne in Iran, per scegliere il nuovo presidente. Ci sono quattro candidati in lizza, tra cui il presidente uscente, Houssein Rohani. Ma la rielezione non è scontata, dato il buon successo che nei sondaggi ha ottenuto il conservatore Ebrahim Raisi, un religioso di 56 anni. E' entrato nella competizione elettorale quasi in punta di piedi, ma è riuscito a conquistare il voto di diversi strati della popolazione: non solo i religiosi e i militari, ma anche gli strati più bassi della popolazione. 

La sua campagna elettorale è stata basata essenzialmente sull'economia. L'Iran vive da molti anni sotto le sanzioni volute dagli Usa che ha coinvolto anche gli altri Paesi occidentali. Da un anno circa le sanzioni dell'Europa sono state tolte, ma non quelle statunitensi. E questo rallenta la ripresa economica del Paese. Ed è stata la leva che Raisi ha utilizzato contro Rohani, promettendo 4 milioni di posti di lavoro e una espansione economica che, secondo il candidato, il presidente uscente non è in grado di creare. Resta da vedere se questi argomenti convinceranno i cittadini iraniani o meno. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©