Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Ma il gruppo dei "5+1" non conferma

Iran annuncia: "Sistemato il problema del reattore di Arrak"


Iran annuncia: 'Sistemato il problema del reattore di Arrak'
19/04/2014, 16:42

TEHERAN (IRAN) - Il capo dell'Organizzazione per l'energia atomica iraniana, Ali Akbar Salehi, ha annunciato che uno dei nodi più ostici sul nucleare iraniano, è stato risolto. Si tratta del reattore nucleare di Arrak, da 40 MW, in costruzione a 240 Km. dalla capitale Teheran. Secondo il gruppo dei "5+1" (Inghilterra, Francia, Usa, Cina, Russia più la Germania), questo reattore può essere utilizzato per produrre plutonio, che a sua volta può essere utilizzato per creare bombe nucleari. Per questo avevano proposto una trasformazione dell'impianto, che però ne avrebbe ridotto di molto la potenza. L'Iran ha rilanciato con una controproposta che permette di ridurre considerevolmente la produzione di plutonio senza diminuirne la potenza, con la garanzia che quel plutonio verrebbe utilizzato per la ricerca medica. Ed è questa controproposta quella a cui si riferisce Salehi, anche se finora i "5+1" non confermano la loro approvazione. 

Sugli altri punti dell'accordo finora raggiunti, l'Iran sta invece seguendo quanto sottocritto: ha diminuito le sue scorte di uranio arricchito dal 20% al 5% (l'accordo prevedeva che doveva ridurle al 50%, l'Iran è andato oltre e le ha ridotte del 75%) e non ha costruito vicino la centrale di Arrak le strutture per la raffinazione del plutonio, passo necessario per costruire una bomba atomica.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©