Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Bomba al passaggio del premier. Frattini: atto gravissimo

Iran, fallito attentato ad Ahmadinejad


Iran, fallito attentato ad Ahmadinejad
04/08/2010, 11:08

TEHERAN - Il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad è scampato a un attentato terroristico mentre si trovava nella zona di Hamadan, città a ovest di Teheran. Il clima di tensione in Medioriente, a meno di 24 ore dagli attacchi sul confine israelo-libanese, torna ad infuocarsi dopo la notizia riportata dalla tv satellitare al-Arabiya, secondo cui una bomba è esplosa al passaggio del suo convoglio mentre usciva dall'aeroporto di Hamadan. Il presidente si era recato lì in visita per tenere un discorso allo stadio "Qods". L'esplosione della granata, lanciata a mano, è avvenuta a un centinaio di metri dalla sua auto e avrebbe colpito un pulmino di giornalisti al seguito presidenziale. Ci sarebbero diversi feriti. E, stando alle fonti locali, un uomo sarebbe stato già arrestato.
La tv di Dubai fa sapere che le autorità di Teheran hanno confermato l'attentato e specificato che il presidente iraniano è sfuggito al tentativo di omicidio. Ahmadinejad sarebbe rimasto illeso e avrebbe pronunciato regolarmente il discorso in programma nello stadio della città, trasmesso in diretta dalla tv di Stato. Nel discorso non avrebbe fatto menzione dell'attentato. Solo due giorni fa il presidente aveva affermato di "essere obiettivo di un piano di omicidio da parte di Israele"
FRATTINI: "ATTO CHE NON AIUTA DIALOGO" - 
L'attentato di questa mattina contro il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad rappresenta "un atto gravissimo" che "non aiuta a rasserenare il Medio Oriente": è quanto ha detto stamane il ministro degli Esteri Franco Frattini alla Camera. "Quando si parla di un attentato contro un leader politico, chiunque esso sia, si tratta di un atto gravissimo", ha precisato.
"Speriamo che anche in Iran prevalga la moderazione, la calma. Auspichiamo che si faccia un'analisi, un accertamento approfondito, ma che non se ne traggano conseguenze che potrebbero infiammare non solo l'Iran ma l'intera regione", ha aggiunto il titolare della Farnesina.
"Sappiamo che il presidente Ahmadinejad non è stato ferito", ha sottolineato il ministro. "Dobbiamo però capire meglio se ci sono state rivendicazioni. Certamente è un fatto ulteriore che non aiuta la serenità nel grande Medio Oriente", ha commentato Frattini

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©