Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Lo dice il sedicente "comitato contro la lapidazione"

Iran: falso avvocato di Sakineh condannato a morte?


Iran: falso avvocato di Sakineh  condannato a morte?
01/03/2011, 10:03

TEHERAN (IRAN) - Una notizia è stata diffusa dalle agenzie di stampa: Javid Hutan Kian, qualificato come avvocato di Sakineh Mohammadi Ashtoni (la donna accusata dell'omicidio del marito e per questo condannata alla pena di morte), è stato condannato a morte per impiccagione. A darne notizia il sedicente "Comitato contro la lapidazione", che l'avrebbe saputo tramite un amico di Kian, a cui sarebbe giunta una telefonata dal carcere di Teheran, proveniente dal cosiddetto avvocato.
Alcuni dettagli: questo "Comitato contro la lapidazione" si occupa solo dell'Iran, dove non c'è alcuna lapidazione dal 2002, e non degli altri Paesi, a cominciare dall'Afghanistan, dove la lapidazione avviene. Inoltre è lo stesso comitato che ha una volta annunciato l'avvenuta lapidazione di Sakineh, una volta l'avvenuta liberazione ed una volta la prossima impiccagione, e tutte e tre le notizie si sono rivelate false.
In quanto a Kian, solo in Italia e in Francia è considerato un avvocato. In realtà non lo è mai stato, è solo un amico di Sajad, il figlio di Sakineh. Ed è anche considerato, dalle autorità iraniane, appartenente ad un gruppo terroristico, i Mujaheddin del Popolo, creato da Saddam Hussein ai tempi della guerra Iraq-Iran ed oggi sotto il controllo del Mossad israeliano.
Insomma, come tutte le notizie che si sono lette su questo caso, l'ennesima disinformazione sulla vicenda.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©

Correlati