Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Erano stati accusati di spionaggio

Iran: liberati i due giornalisti tedeschi arrestati ad ottobre

Condannati a 20 mesi, la pena commutata in una multa

Iran: liberati i due giornalisti tedeschi arrestati ad ottobre
19/02/2011, 17:02

TEHERAN (IRAN) - Finita la prigionia per Marcus Hellwig e Jens Koch, i due giornalisti tedeschi della Bild arrestati lo scorso ottobre mentre stavano intarvistando il figlio di Sakineh Mohammadi Astoni, Sajad. La polizia entrò nell'appartamento ed arrestò i tre insieme al sedicente avvocato (tutti i mass media italiani lo chiamano così, mentendo, ndr) Javid Hutan Kian, che fa parte di un gruppo terroristico, i Mujaheddin del Popolo, sostenuti da Israele. I due giornalisti sono stati condannati ad una pena di 20 mesi di reclusione, commutata in una multa di 36 mila euro a testa. Incredibilmente dal carcere i due hanno trovato i contanti necessari per pagare la multa e sono stati liberati. Ora si trovano a Trabriz, dove sono stati detenuti, con un incaricato del consolato tedesco, ma presto partiranno per l'ambasciata a Teheran. Da qui verranno messi su un aereo per tornare in patria.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©