Dal mondo / America

Commenta Stampa

Il presidente Obama ha firmato le sanzioni

Iran, nuovo schiaffo degli Usa: congelati i beni di Teheran

Colpita la Banca Centrale e gli istituti finanziari

Iran, nuovo schiaffo degli Usa: congelati i beni di Teheran
07/02/2012, 08:02

WASHINGTON – Nuove sanzioni contro l’Iran. Il presidente americano Barack Obama ha firmato un ordine esecutivo che va a congelare tutti i beni o le partecipazioni del governo iraniano negli Usa: ad essere colpite sono soprattutto la Banca Centrale e le istituzioni finanziarie del Paese. Il decreto è in vigore da ieri e secondo quanto è stato diffuso dal capo della Casa Bianca rappresenta “un passaggio doveroso”, viste “le pratiche ingannevoli con cui gli istituti iraniane hanno tentato di occultare le transazioni”. In altre parole, la motivazione, per Obama, starebbe nel fatto che le azioni e le politiche del governo iraniano minacciano la sicurezza nazionale e l’economia americana.
Queste misure, viene fatto sapere, intendono sottolineare la determinazione dell’amministrazione Obama nel premere, affinchè il regime iraniano “rispetti i suoi obblighi internazionali”: il riferimento, benché non sia dichiarato esplicitamente, va al programma nucleare che Teheran sta portando avanti, sul quale, ammette il presidente Obama, esistono ancora troppe domande senza risposta. Di sicuro, con la decisione di congelamento dei beni, il Paese iraniano si ritrova colpito da un livello di sanzioni senza precedenti, sia da parte degli Stati Uniti che da parte di altri Paesi. Intervenire contro il programma nucleare iraniano con azioni militari avrebbe conseguenze molto negative: per questo l’inquilino della Casa Bianca ha scelto l’opzione diplomatica. Non è escluso però, in assenza di una soluzione, l’adozione di altri tipi di intervento

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©