Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

I suoi familiari dicono che è malato di cancro

Iran: processo d'appello per il medico-spia Djalali


Iran: processo d'appello per il medico-spia Djalali
24/01/2018, 10:29

TEHERAN (IRAN) - E' iniziato in Iran il processo d'appello per Ahmadreza Djalali, il ricercatore che è stato condannato a morte per spionaggio a favore degli Usa. Tecnicamente, in Iran il processo d'appello è una sorta di revisione del processo, nel senso che non c'è una corte diversa, ma sono diversi giudici nello stesso Tribunale. 

Intanto continuano a rincorrersi le voci sul fatto che Djalali sia malato. Secondo i familiari mangia normalmente, ma dimagrisce; e Djalali li avrebbe informati che potrebbe avere un tumore all'apparato digerente. Ma il giudice ha rifiutato l'istanza di scarcerazione, senza una perizia medica che confermi la malattia, trattandosi di un reato troppèo grave per concedere pene alternative. 

Ricordiamo che Djalali ha sempre sostenuto la propria innocenza, affermando di essere stato arrestato per aver rifiutato di entrare nello spionaggio iraniano; mentre secondo le accuse, lui ha spiato i colleghi iraniani per conto di una non identificata "potenza straniera" (e di solito, quando non è identificata, sono gli Stato Uniti, ndr). 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©