Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Arrestati nel 2009 per aver attraversato il confine con Iraq

Iran: rilasciati dietro cauzione due "turisti" americani


Iran: rilasciati dietro cauzione due 'turisti' americani
21/09/2011, 14:09

TEHERAN (IRAN) - Ala fine ce l'hanno fatta ad uscire di galera Josh Fattal e Shane Bauer, i due "turisti" americani arrestati nel 2009 in Iran, a poca distanza dal confine con l'Iraq. Dopo un processo, con cui sono stati riconosciuti come spie statunitensi e condannati ad 8 anni, sono stati rilasciati in cambio di una cauzione di 500 mila dollari e il divieto di rientrare nel Paese. La cauzione, in totale un milione di dollari, è stata gentilmente offerta dal SUltano dell'Oman.
I tre sono stati prelevati davanti al carcere da un'auto dell'ambiasciata svizzera (che ospita la delegazione americana, non ben vista in Iran per ovvi motivi) e portati in ambasciata, da dove verranno portati domani all'aeroporto per poi tornare negli Usa.
I due furono arestati a poca distanza dal confine tra Iran ed Iraq, insieme alla giornalista Sarah Shourd - liberata un anno fa, anche lei dietro una cauzione di 500 mila dollari - nel 2009. Si sono sempre professati innocenti, sostenendo di essere alpinisti che si erano persi durante una escursione. Una cosa poco credibile, visto che per entrare in Iran avrebbero dovuto superare "accidentalmente" e senza accorgersene gli sbarramenti protettivi che caratterizzano quella frontiera, sin dagli anni '80 e dalla guerra tra Iran ed Iraq.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©