Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

"La ricostruzione degli Stati Uniti è senza fondamento"

Iran risponde a Usa, "Finanziatore di Al Qaida non vive qui"


Iran risponde a Usa, 'Finanziatore di Al Qaida non vive qui'
25/12/2011, 13:12

TEHERAN - Il portavoce del ministero degli esteri iraniano, Ramin Mehmanparast, ha respinto le accuse degli Stati Uniti secondo le quali in Iran vive Ezzeddin Abdel Aziz Khalil, un siriano ritenuto finanziatore di Al Qaida. «La maldestra sceneggiatura costruita dagli Stati Uniti contro l'Iran è senza fondamento», ha dichiarato il portavoce«. Tre giorni fa gli Stati Uniti hanno offerto una ricompensa di dieci milioni di dollari per informazioni che portino alla cattura di Ezzeddin Abdel Aziz Khalil. È la prima volta che su un »finanziatore del terrorismo« viene posta una simile taglia. L'uomo, secondo gli Usa, è nato in Siria nel 1982. Il dipartimento del Tesoro lo aveva presentato lo scorso luglio come un »responsabile logistico di alto livello di Al Qaida, che vive in Iran e svolge le sue attività da questo Paese nel quadro di un accordo fra Al Qaida e il governo iraniano«. Suo compito sarebbe trasferire fondi e reclutare militanti originari del Medio Oriente e Nordafrica, che passano dall'Iran per raggiungere Al Qaida in Pakistan. Al Suri è ricercato in base al programma Rewards for Justice (premi per la giustizia) creato negli anni '80 e cui obiettivo è di »scovare« persone ricercate per atti di terrorismo contro gli Stati Uniti. Sulla testa dell'attuale capo di Al Qaida, l'egiziano Ayman al Zawahri, c'è‚ la taglia più alta, 25 milioni di dollari, posta nel quadro di questo programma.

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©