Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Presi di mira un ospedale e due commissariati

Iraq: 33 morti in attacchi suicidi a Baquba


Iraq: 33 morti in attacchi suicidi a Baquba
03/03/2010, 20:03

BAGHDAD – A poco più di tre giorni dalla tornata elettorale in Iraq si fanno sentire i terroristi. Ad essere presa di mira sono stati due commissariati e un ospedale a Baquba, nell'Iraq nord-orientale, provocando la morte di almeno 33 persone e il ferimento di altre 55, dicono funzionari della sicurezza.
Gli attentati potrebbero arrecare un danno alla campagna elettorale del premier Nuri al-Maliki, che ha parzialmente basato le sue speranze di rielezione proprio sulla sicurezza. Funzionari iracheni e statunitensi hanno detto che gli attentati, di cui sono sospettati i ribelli sunniti, sono volti proprio a minare il governo a maggioranza sciita.
Le elezioni nazionali di domenica prossima sono considerate un passaggio chiave per il Paese mediorientale, mentre gli Usa si preparano a porre fine ad agosto alle operazioni di combattimento e poi a ritirarsi entro la fine del 2011.
La polizia dice che due attentatori, alla guida di un'auto imbottita di esplosivi, si sono lanciati contro il quartier generale della forza di reazione rapida della città, che si trova a 65 chilometri a nord-est di Baghdad.
Il terzo attentatore, che indossava quella che sembrava un'uniforme della polizia ed era a piedi, si è fatto esplodere al piano terra del principale ospedale cittadino, mentre vi venivano trasportati i feriti del primo attacco.
"Si era confuso tra i feriti. Indossava una falsa uniforme e si è fatto esplodere appena sceso dall'ambulanza, all'entrata dell'ospedale", ha detto il portavoce della polizia Ghalib al-Jubouri.
L'attentatore ha anche cercato di colpire il capo della polizia, che si trovava all'interno dell'ospedale, ma le forze di sicurezza lo hanno bloccato, alimentando però il caos tra la gente sparando dei colpi in aria.
"L'attentatore suicida indossava un'uniforme della polizia, con i gradi di tenente", ha detto a Reuters Ali Mohammed, uno dei poliziotti feriti. Tra i morti, tra l'altro, almeno 12 sono poliziotti.
Baquba è nella provincia di Diyala, dove sono ancora attivi gruppi di militanti islamici come al Qaeda.
La portavoce del governatore, Samira al-Shibli, ha detto che le forze di sicurezza hanno imposto il coprifuoco a tutta la provincia e hanno chiuso le principali strade che danno accesso alle città più grandi per impedire altri attentati.

 

Commenta Stampa
di Mario Aurilia
Riproduzione riservata ©