Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Si contano vittime degli ultimi giorni: 107 persone uccise

Iraq: al nord altri 4 attentati, 11 morti 45 feriti

Funestato il mese sacro del Ramadan

Iraq: al nord altri 4 attentati, 11 morti 45 feriti
24/07/2012, 19:01

BAGHDAD - Dopo il lunedì di sangue che ieri in Iraq ha funestato il terzo giorno del mese sacro islamico del Ramadan con una serie di attentati, concentrati soprattutto al nord e costati nel complesso la vita ad almeno 107 persone e il ferimento di altre 268, anche oggi nella parte settentrionale del Paese arabo si sono registrati quattro attacchi dinamitardi, con un bilancio totale di undici morti e di 45 feriti: lo hanno reso noto fonti della polizia locale. Secondo le stesse fonti, la strage peggiore è avvenuta nel villaggio di al-Tuz, situato a circa 200 chilometri da Baghdad, dove una moto-bomba è scoppiata al passaggio di una pattuglia uccidendo sei agenti e ferendone ulteriori due più tre civili. Nel frattempo a al-Mouallemin, a 65 chilometri dalla capitale, una vettura imbottita di esplosivo è saltata in aria lungo una strada molto frequentata: tre i passanti deceduti e 35 quelli che hanno riportato lesioni. Infine, a una decina di chilometri da Baquba, un poliziotto è stato ucciso a al-Hadid da un commando armato, che ha ferito tre suoi colleghi. Un agente morto anche al-Tahrir, nella medesima zona; due i feriti.

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©