Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

IRAQ: ASSENTE IL TIRATORE DI SCARPE IN TRIBUNALE


IRAQ: ASSENTE IL TIRATORE DI SCARPE IN TRIBUNALE
17/12/2008, 16:12

Muntazar al Zaidi, il giornalista che lunedì ha tentato di colpire George W. Bush doveva essere processato oggi, ma non si è presentato. I familiari che erano presenti per vederlo, hanno saputo che non potranno vederlo per almeno 8 giorni. Ma era prevedibile: come ha detto anche il fratello, il giornalista è stato torturato e picchiato e quindi non poteva essere presente. Naturalmente le autorità irachene hanno negato questo, ma c'è di fatto che la tortura è usata abitualmente in Iraq, sia dai soldati americani che da quelli iracheni; inoltre nessuno ha più visto il giornalista che, nel momento in cui è stato condotto via, appariva in ottima salute, a parte il fatto di essere immobilizzato.

Nel frattempo la faccenda sta diventando quasi un cult. Uno sceicco arabo ha offerto 10 milioni di dollari per le scarpe lanciate contro il presidente americano, per esporle in un museo come simbolo del ritrovato orgoglio arabo, come ha detto lui stesso. Che diventino l'equivalente arabo delle stampelle di Enrico Toti?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©