Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

IRAQ: ATTENTATI CONTRO PROCESSIONE SCIITA, PIU' DI 40 MORTI


IRAQ: ATTENTATI CONTRO PROCESSIONE SCIITA, PIU' DI 40 MORTI
25/02/2008, 08:02

Ieri, in occasione della celebrazione della festa dell'Airbain (festa religiosa mussulmana sciita che si svolge 41 giorni dopo l'ancora più importante festa dell'Ashura), il consueto pellegrinaggio degli sciiti è stato funestato da due attentati.
Il più grave è avvenuto in un punto di ristoro situato a circa 40 Km. a sud della capitale irachena. Un kamikaze ha eluso gli imponenti controlli messi in atto e si è fatto esplodere in mezzo alla folla, causando almeno 40 morti e 60 feriti.
Un altro ordigno è esploso in un quartiere sunnita di Baghdad (il quartiere Daura), qualche ora prima, al passaggio degli sciiti. Dopo di che alcuni cecchini hanno aperto il fuoco sul gruppo. Risultato: almeno 3 morti e 30 feriti.
Stamani nuovo attentato, con un ordigno dinamitardo contro una colonna di pellegrini: il bilancio provvisorio è di 4 morti e 15 feriti.
Nonostante da mesi sia le autorità irachene che americane parlino di una riduzione della violenza in Iraq e nonostante fossero previste per questa processione (che ogni anno viene funestata da attentati mortali) misure di sicurezza imponenti, quando non draconiane, il fatto che gli attentati siano riusciti con tanto successo, dimostra ampiamente quale sia la reale situazione in Iraq

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©