Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

IRAQ: ATTENTATI, IN TOTALE OLTRE 4000 SOLDATI USA MORTI


IRAQ: ATTENTATI, IN TOTALE OLTRE 4000 SOLDATI USA MORTI
25/03/2008, 08:03

La triste contabilità dei soldati morti in Iraq ha toccato quota 4000, con l'autobomba che ieri a Mossul ha ucciso altri quattro militari americani, insieme ad un numero imprecisato di civili.

Perchè è bene ricordare che se i soldati americani morti (senza contare quelli di altre nazionalità, tra cui più di 20 italiani, la maggior parte a Nassirya) sono 4000, i civili iracheni uccisi da ambo le parti sono più di un milione, come denunciato la settimana scorsa dalla Mezzaluna rossa. E il tutto senza alcun miglioramento, anzi. L'Iraq sotto Saddam Hussein era un paese senza libertà ma laico, con le donne che avevano quasi gli stessi diritti degli uomini (cosa rara in un Paese mussulmano), l'istruzione garantita, un discreto tenore di vita medio. Adesso è un paese dove non c'è più un Saddam Hussein, ma ce ne sono a decine; dove vige l'integralismo islamico, dove la popolazione è malnutrita, spesso senza acqua ed energia elettrica .

E mentre i democratici progettano un rapido ritiro, in caso di loro vittoria alle elezioni presidenziali di novembre, Bush continua ad affermare che è "addolorato per le vittima, ma bisogna vincere".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©