Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Irlanda: vittoria del centrodestra, ma niente maggioranza


Irlanda: vittoria del centrodestra, ma niente maggioranza
26/02/2011, 16:02

Il Fine Gael, partito di opposizione di centrodestra, è in testa nelle elezioni irlandesi ma non ha la maggioranza necessaria a governare da solo. È il risultato del primo exit poll della rete tv irlandese Rte, secondo il quale, tra l'altro, il Labour ha avuto il suo miglior risultato della storia irlandese.
Insomma, una batosta elettorale per il Fianna Fail, storico partito irlandese. Con un paese sul ciglio della bancarotta, il verdetto dei 3,1 milioni di elettori chiamati venerdì alle urne per le elezioni anticipate, è stato categoricamente a favore dell’opposizione.

Il Fine Gael di Enda Kenny sarebbe al 36,1 %. Il Labour è al secondo posto con il 20,5%, il Fianna Fail al 15,1 %, Sinn Fein al 10,1% , i Verdi al 2,7 per cento.
Alto il sostegno per gli indipendenti: 15,5 % anche se tradotto in seggi potrebbe non essere determinante dato l'alto numero di candidati che devono spartirsi i voti. Al Fine Gael andrebbero 72 seggi alla Camera bassa, lontano dalla maggioranza assoluta che è di 84 deputati. Il Fianna Fail avrebbe soli 20 seggi contro i 73 seggi che aveva fino ad ora. Il Labour salirebbe a 38 deputati contro i 20 attuali, mentre il Sinn Fein conquisterebbe 14 o 15 seggi, triplicando la propria rappresentanza.

Il risultato segna una svolta nella politica irlandese, dopo 14 anni di governo guidato dal Fianna Fail. Il partito, che inizialmente aveva condotto il paese verso un boom economico, paga ora la crisi in cui è sprofondata l'Irlanda, costretta a chiedere un maxi prestito da 85 miliardi di euro all'Unione Europea. Il partito si è presentato con un nuovo leader, Michael Martin, dopo le dimissioni del primo ministro Brian Cowen.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©