Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Lo dimostra un video sul canale israeliano di Youtube

Israele accusa l'Iran di voler rifornire gli Hezbollah libanesi



Israele accusa l'Iran di voler rifornire gli Hezbollah libanesi
05/11/2009, 11:11

ISRAELE - Un video che è stato postato sul canale dell'esercito israeliano di Youtube mostra soldati israeliani che abbordano, nelle vicinanze di Cipro, una nave mercantile, il Francop, in acque internazionali, con un chiaro gesto di pirateria. Le immagini mostrano che la nave (battente bandiera di Antigua e di proprietà di un armatore tedesco con equipaggio polacco) viene perquisita e i soldati trovano, all'interno di un container, armi militari di vario tipo: razzi katyusha, missili antiaerei, proiettili anticarro ed altro. Gli israeliani affermano di sapere, senza ombra di dubbio che quelle armi sono armi che l'Iran ha deciso di fornire agli Hezbollah sciiti presenti in Libano attraverso la SIria (e per fare questo lo piazzano su una nave e gli fanno fare il giro di mezzo mondo, anzichè creare un convoglio attraverso poche centinaia di chilometri di Iraq curdo, ndr). Gli Hezbollah e la SIria hanno negato ogni coinvolgimento: i primi attraverso la TV al Manar, di proprietà del Partito di Dio; la SIria emanando una nota in cui ha negato di essere a conoscenza del contenuto di quella nave.
Ma secondo i portavoce dell'esercito israeliano, l'Iran avrebbe trasbordato quel container attraverso un'altra nave, partita da un porto della costa sud del Paese, che avrebbe attraversato il canale di Suez e caricato il container a Damietta. Poi in Siria, dove il Francop era diretto, il container, sempre secondo gli israeliani sarebbe stato inviato in Libano.
Naturalmente, su tutta questa storia (origine, partenza, viaggio e destinazione) abbiamo solo la parola dell'esercito israeliano, che ha illecitamente abbordato la nave in acque internazionali, ha sequestrato l'equipaggio polacco e ha sequestrato anche la nave, portando nel porto di Ashdod, a sud di Tel Aviv. C'è da chiedersi perchè quando una cosa del genere la fanno i somali sono pirati pericolosi da combattere e quando la fanno gli israeliani è da applaudire.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©