Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

"I prezzi delle case sono alti". Ma i palestinesi?

Israele: il governo pronto a costruire 10 mila abitazioni in CIsgiordania


Israele: il governo pronto a costruire 10 mila abitazioni in CIsgiordania
13/07/2013, 13:58

TEL AVIV (ISRAELE) - Il Ministro israeliano alla Pianificazione Abitativa, Uri Ariel, ha lanciato un annuncio choc alla Knesset: il governo intende costruire 10 mila abitazioni tra la zona est di Gerusalemme e la Cisgiordania. Si tratta di zone abitate dai palestinesi, i quali dovranno essere cacciati dalle loro case, per consentire la costruzione di un numero così elevato di abitazioni. Ariel ha specificato: "Non ci sono case da vendere o affittare in queste località, così come non ce ne sono nell'area di Tel Aviv perché i prezzi non la smettono di salire". 
C'è da tenere presente che l'espansione abitativa israeliana è uno dei maggiori ostacoli a qualsiasi discorso di pace. Perchè oltre a considerare lo spazio occupato dalla casa stessa, dato che si tratta di abitazioni costruite in territorio palestinese, bisogna considerare lo spazio per le recinzioni di protezione. Naturalmente il tutto a scapito dei palestinesi, che in questi casi vengono sbattuti fuori casa senza pietà dai soldati  israeliani. Ma finchè vengono costruite 2-300 abitazioni, lo spazio richiesto è relativamente basso. Ma quando sono 10 mila abitazioni, quante migliaia di palestinesi si troveranno sotto alle stelle, solo per l'ingordigia del governo israeliano? 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©