Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Spari dei soldati anche su una manifestazione di pacifisti

Israele: marina militare spara su barche di pescatori


Israele: marina militare spara su barche di pescatori
30/04/2010, 12:04

GAZA (PALESTINA) - Ancora una volta la Marina militare israeliana attacca ed uccide civli palestinesi. In questo caso alcune motovedette hanno aperto il fuoco su barche di pescatori, che tentavano di procurarsi un po' di cibo per sconfiggere il blocco totale che Israele ha stretto intorno al ghetto di Gaza e che sta facendo morti ogni giorno, a causa della mancanza di cibo, acqua e medicine. La PressTv, che riferisce la notizia, parla di probabili vittime, anche se non ne specifica il numero. Ma è evidente che non si può sparare sulle persone senza ferirne o ucciderne nessuna.
Altro episodio di violenza è accaduto ad Al Walaja, in CIsgiordania, dove sta per essere completato un altro pezzo di muro, fatto in modo da includere nelle terre appartenenti agli israeliani i campi coltivati finora dai palestinesi. Un gruppo di contadini è sceso in piazza per protestare, insieme a pacifisti di vari Paesi del mondo. Ma la manifestazione pacifica è durata poco: i mitra degli israliani, che hanno fatto fuoco direttamente sulle persone per ucciderle, hanno provocato 8 feriti e la fuga di tutti gli altri.
Ancora una volta Israele dimostra di non concepire alcune forma di accordo o di pace con i suoi vicini; è solo la voce del più forte, che si traduce nelle stragi che quotidianamente i soidati con la stella di Davide fanno di civili palestinesi.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©