Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Israele mostra ancora una volta al mondo la sua violenza

Israele minaccia la Siria: "Stiamo attaccando, ma non provate a rispondere"


Israele minaccia la Siria: 'Stiamo attaccando, ma non provate a rispondere'
21/01/2019, 09:43

TEL AVIV (ISRAELE) - Da molti mesi Israele continua a colpire il territorio siriano con missili e bombe. Gli attacchi hanno ucciso centinaia di persone. Ma finora il governo israeliano non si era mai spinto al punto da minacciare il governo siriano, come ha fatto domenica il premier Banjamin Netanyahu: "Abbiamo una politica costante: quella di danneggiare l'arroccamento dell'Iran in Siria e di colpire chiunque provi a danneggiarci. Una politica che non cambia, sia se sono in Israele o in visita storica al Ciad". 

In realtà, Israele continua a colpire obiettivi civili siriani. Perseguendo due obiettivi: da una parte colpire la logistica siriana che sostiene l'esercito che sta attaccando le truppe tuirche e i brandelli degli eserciti del sedicente ELS, dell'ISIS e di Al Qaeda che ci sono nel nord; dall'altra cerca di indebolire le truppe che difendono i confini siriani in vista di un possibile attacco se la siria dovesse diventare troppo debole.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©