Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Israele: motovedette della Marina sequestrano 21 attivisti pro-Gaza


Israele: motovedette della Marina sequestrano 21 attivisti pro-Gaza
01/07/2009, 21:07

Ancora un atto di pirateria delle motovedette israeliane nella zona ovest del Mediterraneo. Motovedette battenti la bandiera con la stella di David hanno assaltato la nave "Sprit of Humanity", dell'associazione umanitaria Free for Gaza. La nave trasportava solo cibo, giocattoli e materiale per costruzione, dato che, dopo la fine dell'operazione Piombo Fuso, che ha semidistrutto le città all'interno della striscia di Gaza, Israele ha sempre impedito il passaggio di qualsiasi cosa: cibo, acqua, e quindi anche materiale per la costruzione. Le unità militari israeliane hanno abbordato la nave in acque internazionali e hanno sequestrato tutti coloro che erano a bordo, in tutto 21 persone. Tra loro l'ex Premio Nobel per la Pace Mairead Maguire e l'ex deputata statunitense Cynthia McKinney.
Ma questa azione non è isolata. Israele ormai ha deciso di far morire di fame e di sete tutti i palestinesi della striscia di Gaza, per prendere quei territori per i propri coloni. E quindi sia i tunnel al confine con l'Egitto, sia gli aiuti umanitari sono dei problemi. Per questo impediscono l'accesso ai mezzi dell'ONU e della Croce Rossa via terra che portano viveri; per questo durante l'operazione militare di inizio anno hanno sistematicamente distrutto ospedali, impianti idrici, desalinizzatori per avere l'acqua potabile, depositi di cibo per l'ONU e i tunnel al confine con l'Egitto. Il tutto nel complice silenzio dei governi occidentali e di quello americano, che appoggiano apertamente questo genocidio.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©