Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Ben 900 nuove abitazioni su territorio palestinese

Israele prepara l'espansione di Gerusalemme Est


Israele prepara l'espansione di Gerusalemme Est
18/11/2009, 09:11

ISRAELE - Se qualcuno aveva ancora dei dubbi su quali siano le intenzioni israeliane, è stato servito. Appena ricevuto il sostegno degli Stati Uniti e dell'Unione Europea a proposito delle azioni di vendetta che il governo di Tel Aviv prenderà nel caso in cui la Palestina dovesse dichiarare la propria autonomia unilateralmente, l'amministrazione municipale di Gerusalemme, con il beneplacito governativo, annuncia che verranno costruite altre 900 abitazioni nella colonia israeliana di Ghilo, situata in territorio palestinese, nella zona di Gerusalemme Est.
La notizia è stata accolta quasi con indifferenza alla Casa Bianca, dove il portavoce Robert Gibbs si è detto costernato, avvisando che questa decisione è un ostacolo sulla strada per la pace.
Anche il Segretario Generale dell'Onu, Ban Ki-Moon, ha deplorato la decisione israeliana, ricordando che "le colonie sono illegali e richiama Israele a rispettare i suoi impegni, nei termini della road map, a cessare ogni attività di colonizzazione, compresi quelli corrispondenti alla crescita naturale"
Più duro il capo della delegazione palestinese impegnata nelle trattative con Israele, Saeb Erekat: "Nessuno riconosce a Israele il diritto di estendere le costruzioni a Gerusalemme Est. Le terre su cui edificate quei quartieri fanno parte del mio futuro Stato. Questo deve cessare: Israele deve scegliere la pace o le colonie. E noi logicamente speriamo che opti per la prima soluzione". Per poi concludere con una frase che sintetizza mirabilmente il punto di vista palestinese della questione: "Non disponiamo nemmeno di un 'tunnel' da poter dire che al suo capo si intravvede la luce".
Perchè il problema è questo: Israele fa quello che vuole, senza che nessuno faccia niente; i palestinesi vengono stretti in zone sempre più ridotte, affamati, gli viene tolto il diritto all'acqua, non possono coltivare la terra, non possono pescare. Cosa altro gli rimane da fare, per sopravvivere?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©