Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Il ministro della difesa favorevole al ''cessate reciproco''

Israele pronta al cessate il fuoco con Hamas

Ripresi gli scontri fra Gaza e il Neghev occidentale

Israele pronta al cessate il fuoco con Hamas
10/04/2011, 10:04

Gerusalemme - Il ministro della Difesa israeliano, Ehud Barak, dopo gli ultimi episodi di violenza con i militanti di Hamas, parlando a Radio Israele, ha affermato che Israele è disposta ad accettare un cessate il fuoco reciproco, compiendo un passo storico poiché e' la prima volta che un responsabile dello stato ebraico ipotizza una tregua dall'avvio dello scontro con i palestinesi: "Se smettono di sparare sulle nostre comunità, smettiamo di sparare anche noi", ha detto Barak.
Alla domanda su un attacco nella Striscia di Gaza per porre fine al dominio di Hamas, ha risposto: "Se sarà necessario, agiremo, ma quando non è necessario, non abbiamo bisogno'', ha poi aggiunto ''Non possiamo tollerare lanci di razzi o di colpi di mortaio contro Israele e noi agiamo in funzione di ciò che avviene sul terreno".
Dall'altra parte anche le fazioni palestinesi non sono interessate ad una escalation di violenza: ''Se l'aggressione israeliana cessera', in maniera naturale la calma tornera'', è quanto affermato da Sami Abu Zuhri, portavoce di Hamas a Gaza.
Intanto, sono ripresi gli incidenti lungo la linea di demarcazione fra Gaza ed il Neghev occidentale. Tre colpi di mortaio sparati da Gaza sono esplosi presso una azienda agricola israeliana. Uno di essi ha provocato ingenti danni alla rete elettrica della zona.

Commenta Stampa
di Zaccaria Pappalardo
Riproduzione riservata ©