Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Rispettato l'accordo per la liberazione di Shalit, però...

Israele rilascia 550 detenuti palestinesi. Ma ne arresta 470


Israele rilascia 550 detenuti palestinesi. Ma ne arresta 470
20/12/2011, 10:12

TEL AVIV (ISRAELE) - Nei giorni scorsi è stata completata la seconda parte dell'accordo tra il governo israeliano ed Hamas per la liberazione del soldato israeliano Shalit, detenuto nella striscia di Gaza per cinque anni. Altri 550 detenuti palestinesi sono stati liberati dalle carceri israeliane, anche se non potranno tornare a casa loro, nei Territori Occupati, ma dovranno andarsene fuori, in altri Paesi. Esattamente come è successo per quelli già liberati in precedenza.
Ma non è che le carceri si sono svuotate. Negli ultimi due mesi i soldati israeliani hanno "arrestato" (termine molto gentile, perchè in realtà quello corretto sarebbe "sequestrato", dato che tranne rari casi, non c'è una struttura giudiziaria e delle prove, dietro questi arresti) almeno 470 palestinesi, di cui diverse decine di minorenni. Le accuse sono le più diverse, dall'appartenenza ad Hamas al tentativo di infiltrarsi nelle colonie (e magari sono stati arrestati a casa loro). Resta l'illegalità dell'arresto e la paura che viene instillata da questi raid continui della Polizia o dell'esercito israeliano.
.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©