Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Militari sparano sui filopalestine, oltre 220 feriti

Israele, sangue sul confine del Golan: uccisi 14 manifestanti


Israele, sangue sul confine del Golan: uccisi 14 manifestanti
05/06/2011, 18:06

Quattordici morti accertati e circa 220 feriti: è il drammatico bilancio della sparatoria al confine tra Israele e Siria. Cifre che al momento vengono definite provvisorie e che potrebbero aggravarsi, dopo il raid delle forze armate israeliane di guardia sulle alture del Golan, strappate a Damasco durante la Guerra dei Sei Giorni e annesse unilateralmente. Soldati che ancora una volta sparano sui manifestanti. Le forze armate hanno infatti aperto il fuoco all'indirizzo di centinaia di dimostranti filo-palestinesi, molti provenienti dai campi profughi palestinesi vicini, i quali avevano cercato di oltrepassare la recinzione di ferro spinato che corre lungo la linea del cessate-il-fuoco del 1967. Il tutto proprio in occasione della giornata della “Naksa”, ossia nel 44esimo anniversario della sconfitta degli eserciti arabi. Una rabbia che dura ormai da 44 anni e che sfocia ancora una volta in un bagno di sangue.
Prima colpi in aria, poi i militari appostati hanno sparato sulla gente. “Chiunque cercherà di attraversare il confine sarà ucciso”, urlavano i militari israeliani all'indirizzo dei dimostranti con l'ausilio dei megafoni. Dall'alba in Israele le forze di sicurezza sono in stato di massimo allerta per le dimostrazioni convocate da diversi movimenti radicali in occasione dell'anniversario, e tra le zone più «sensibili» ci sono proprio le alture del Golan. In Cisgiordania, nella Striscia di Gaza e nei Paesi arabi confinanti, come pure all'interno dello stesso Stato ebraico, i manifestanti sono stati istruiti a premere sui posti di blocco israeliani eretti alle frontiere: esattamente come avvenne un mese fa, nel 63mo anniversario della nascita dello Stato di Israele che per i palestinesi è la “Naqba”, il Giorno della Catastrofe. Allora furono uccisi quindici civili.

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©