Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

ISRAELE SIGILLA DI NUOVO LA STRISCIA DI GAZA


ISRAELE SIGILLA DI NUOVO LA STRISCIA DI GAZA
27/01/2009, 13:01

Dopo il conflitto a fuoco, che stamattina è costato la vita ad un soldato israeliano, e il raid aereo israeliano, che ha ucciso un numero imprecisato di palestinesi, ecco che Israele ha chiuso di nuovo tutti i valichi per Gaza, impedendo quel minimo di afflusso di cibo ed acqua che c'era stato nei giorni scorsi.

A questo punto due considerazioni: se i palestineis non avessero i tunnel al confine con l'Egitto, quelli di cui Israele vuole la distruzione, per far passare il cibo, come potrebbero nutrirsi? Morirebbero di fame nel silenzio colpevole dell'occidente. La seconda: significativo che oggi, a 65 anni esatti dal giorno in cui un gruppo di ebrei (insieme ad altri non ebrei, ovviamente) poteva superare i cancelli di un campo di concentramento, muovendosi su gambe traballanti perchè erano denutriti, altri ebrei, quelli che guidano Israele fanno di tutto per far morire di fame i palestinesi. Quando si dice corsi e ricorsi dtorici: 65 anni fa vittime; oggi aguzzini.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©