Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

La foto rappresenta un fatto vero dell'ottobre 2010

Israele: spot della Subaru che incita ad uccidere i palestinesi


Israele: spot della Subaru che incita ad uccidere i palestinesi
23/04/2011, 10:04

TEL AVIV (ISRAELE) - Campagna shock della società automobilistica Subaru in Israele. Si vede la foto qui rappresentata e la scritta: "Vedremo chi potrà resistere contro di voi. Il problema è che questa immagine non è un fotomontaggio. Venne ripresa nell'ottobre del 2010, a Gerusalemme: David Beerl, leader di un gruppo dell'estrema destra israeliana (raccoglie offerte da tutto il mondo per costruire insediamenti illegali, dopo che l'esercito ha raso al suolo le abitazioni dei palestinesi) investì due bambini palestinesi, uno di 8 anni e uno di 12. Il secondo ne uscì con entrambe le gambe fratturate, l'altro si ruppe un braccio e poi qualche giorno dopo venne arrestato dalla Polizia israeliana, con l'accusa di aver lanciato pietre contro l'auto di Beerl
L'episodio di per sè non è una novità: gli israeliani uccidono, torturano, arrestano e violentano in carcere abitudinariamente bambini palestinesi. Ma è la prima volta che arrivano a farne un manifesto pubblicitario. E' la dimostrazione che sanno che qualsiasi cosa faranno, potranno godere della massima impunità, dato l'appoggio incondizionato che la comunità internazionale dà al governo israeliano.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©