Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

ITALIA-LIBIA, PATTO D'AMICIZIA MILIARDARIO


ITALIA-LIBIA, PATTO D'AMICIZIA MILIARDARIO
30/08/2008, 09:08

Italia e Libia sigleranno oggi l'atteso accordo sulle compensazioni richieste dal paese africano per i tre decenni di regime coloniale italiano. Secondo quanto riferisce Palazzo Chigi in una nota, il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, incontrerà a Bengasi il leader libico Muhammar Gheddafi e, nel corso della riunione, verrà firmato il "Trattato di amicizia, parternariato e cooperazione". La Venere di Cirene sarà l'omaggio che il premier consegnerà al "Re dei re d'Africa". Il 24 agosto Berlusconi, che intendeva stringere un "patto di amicizia" con la Libia entro agosto e attuare l'accordo di fine 2007 sul pattugliamento marittimo congiunto, si era sentito per telefono con il leader libico Muhammar Gheddafi. Un mese prima il figlio del Colonnello, Saif al Islam, aveva parlato di un accordo "miliardario". Il patto comprenderebbe diversi progetti, tra cui la costruzione di un'autostrada lungo la costa libica e lo sminamento degli ordigni che risalgono all'epoca in cui la Libia era colonia italiana, tra il 1911 e il 1943. I colloqui con la Libia per chiudere il passato coloniale e rilanciare i rapporti economici tra i due paesi sono in corso da anni e un annuncio sull'imminente accordo era stato fatto anche dall'ex ministro degli Esteri Massimo D'Alema nell'ottobre 2007.
 

Commenta Stampa
di Serena Grassia
Riproduzione riservata ©