Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

A Piano di Sorreto parla Mariella, la moglie del comandante

Italiani rapiti in Nigeria: "Per adesso nessuna novità"


Italiani rapiti in Nigeria:  'Per adesso nessuna novità'
26/12/2012, 10:48

Giorni di apprensione e attesa quelli che i stanno vivendo in costiera sorrentina, luoghi nativi degli italiani rapiti in Nigeria da un ruppo di pirati. Secondo quanto riferisce Mariella, la moglie del comandante Emiliano Astarita, rapito insieme ad altri due italiani l'altro giorno al largo delle coste della Nigeria da un gruppo arato di pirati, ha descritto queste ore di grande attesa. "Per adesso nessuna novità". Questo il breve messaggio di testo che Mariella ha inviato al papà Gaetano Milone. La moglie del comandante non è né a Piano di Sorrento, comune dove è nato Astarita, né a Massa Lubrense, dove la coppia vive. Dall'estero dove, secondo quanto riferito dalla famiglia, la donna è in vacanza con i suoi figli, sono "continui" i contatti con la Farnesina. Mariella Astarita, spiega suo padre, ha un interlocutore diretto del ministero degli Esteri. La preoccupazione c'é, ma la moglie del comandante si dice "fiduciosa e tranquilla" soprattutto per l'esperienza del marito e dell'armatore in un'area come quella della Nigeria. "Vi chiediamo collaborazione per mantenere il silenzio su questa faccenda. Lo hanno sollecitato dalla Farnesina. Lo hanno chiesto i familiari di Emiliano con cui mi sono sentito stamani. Silenzio che non significa fuga, precisiamo, ma una scelta. Una strategia per permettere allo Stato italiano di continuare ad avere contatti con i rapitori e di risolvere quanto prima questa brutta storia". E' quanto sottolinea Giovanni Ruggiero, sindaco di Piano di Sorrento (Napoli), la cittadina del comandante della nave sequestrata. "Sappiamo tutti - aggiunge - che i primi giorni sono fondamentali. Importanti per risolvere questi casi, altrimenti si prospettano mesi di trattative, e non mi sembra questa la strada augurabile". 

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©