Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Kabul, due soldati uccisi in attacchi dinamitardi


Kabul, due soldati uccisi in attacchi dinamitardi
22/09/2009, 12:09


Due soldati della Nato, almeno uno dei quali americano, sono rimasti uccisi in altrettanti attacchi dinamitardi in zone imprecisate nel sud dell'Afghanistan: lo ha reso noto il Comando dell'Isaf, la Forza Internazionale di Assistenza per la Sicurezza guidata dall'Alleanza Atlantica, secondo cui entrambi gli attentati risalgono a ieri e, a differenza della strage a Kabul di cui giovedi' scorso rimasero vittime sei paracadutisti italiani, sono stati perpetrati non con la tecnica dell'auto-bomba bensi' con quella, piu' tradizionale, degli ordigni nascosto lungo il ciglio delle strade, e fatti detonare a distanza. Una portavoce del contingente Usa, capitano Regina Gillis, ha confermato che uno dei morti era un suo connazionale; l'Isaf, come da prassi, non ha invece divulgato la nazionalita' del secondo prima di averne informato la famiglia. Il 2009 e' stato l'anno piu' sanguinoso all'inizio della campagna scatenata dagli Stati Uniti contro i Talebani nel Paese centro-asiatico alla fine del 2001: finora ammontano in tutto a 363 i militari stranieri caduti, 211 dei quali statunitensi e ottanta britannici, piu' ulteriori 72 originari di altri Paesi aderenti alla coalizione. Tra questi ultimi otto in tutto erano italiani, compreso un ufficiale deceduto in gennaio per cause naturali; nel complesso, dall'inizio della missione nel 2004, in Afghanistan l'Italia ha perduto 21 uomini, di cui sette in circostanze accidentali ovvero in seguito a gravi malori.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©