Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Almeno un morto e 21 feriti accertati

Kabul: rabbia afgana contro la sede Usa per il rogo del Corano


Kabul: rabbia afgana contro la sede Usa per il rogo del Corano
22/02/2012, 10:02

KABUL - Questa volta non c'è scusa o attenuante che regga: la popolazione afgana è veramente furiosa contro gli americani, dopo il rogo di materiale islamico, fatto nella base aerea americana che si trova a nord della capitale, tra cui anche quattro copie del Corano. Un'azione che, nonostante le scuse ufficiali fatte dal comandante della base, è stata vista come un'offesa a tutti i musulmani.
Per questo da ieri l'ambasciata americana nella capitale afgana è di fatto chiusa ed assediata, mentre il personale è tenuto all'interno, per la propria incolumità. Mentre all'esterno sono migliaia i manifestanti che protestano al grido di "morte agli americani". E non sono solo a Kabul le proteste, ma in molte città afgane.
La situazione peggiore è a Jalalabad, dove la polizia afgana ha sparato sui manifstanti, uccidendo un giovane e ferendone 21. Episodio confermato dai medici che hanno curato i manifestanti, ma negato dalla polizia, che afferma che non sono state usate armi per disperdere la folla.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©