Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

KIEV, ACCORDO VICINO MA RISERVE AGLI SGOCCIOLI


KIEV, ACCORDO VICINO MA RISERVE AGLI SGOCCIOLI
08/01/2009, 17:01

Sebbene l’accordo sembri ormai ad un passo, a Kiev si cominciano a sentire gli effetti della crisi. Le centrali non ricevono infatti quasi più gas e dal pomeriggio la KievEnergo, la società che gestisce le utenze domestiche, è passata al “carburante per le situazioni di emergenza. "Tali misure però garantiscono solo il livello minimo di riscaldamento per gli abitanti della città e per evitare problemi alle tubazioni", avverte una nota di KievEnergo, precisando che il carburante basterà comunque "per alcuni giorni al massimo". Secondo il ministero delle Situazioni di Emergenza ucraino, in alcuni quartieri della capitale con oltre 2,7 milioni di abitanti, "viene percepito un sostanziale raffreddamento".

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©