Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

La Brigata Friuli subentra all'Ariete al comando del Contingente italiano del Sector west Tibnin in Libano


La Brigata Friuli subentra all'Ariete al comando del Contingente italiano del Sector west Tibnin in Libano
10/11/2009, 17:11


TIBNIN - Lo scorso 6 novembre, presso la base “Ficuciello” di Tibnin, ha avuto luogo il passaggio di responsabilità alla guida del settore Ovest di UNIFIL (United Nation Interim Force in Lebanon) fra la 132^ brigata corazzata “Ariete”, comandata dal generale di brigata Carmelo De Cicco, e la brigata aeromobile “Friuli”, comandata dal generale di brigata Luigi Francavilla, che ha assunto il comando della forza multinazionale che nei prossimi sei mesi contribuirà a far rispettare la risoluzione 1701 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite nel sud del Libano. La cerimonia si è svolta alla presenza del comandante operativo di vertice interforze, generale di divisione Tommaso Ferro, del comandante di UNIFIL, generale di divisione Claudio Graziano, dell’Ambasciatore d’Italia a Beirut, Gabriele Checchia, delle autorità locali civili, religiose e militari e del personale di UNIFIL. La risoluzione 1701 prevede una stretta cooperazione tra UNIFIL e le autorità militari e civili locali, allo scopo di contribuire a mantenere una situazione di pace e sicurezza nel Libano meridionale.  “Vorrei confermare di nuovo – ha detto il generale Graziano nel suo intervento – il nostro deciso impegno nell’effettuare ogni sforzo per raggiungere la pace e la stabilità definitiva nel Libano del sud, lavorando accanto alle forze armate libanesi e offrendo tutto il supporto necessario al governo libanese e alla sua popolazione”. L’operazione “Leonte 7” è la sesta missione fuori area della brigata aeromobile “Friuli” dopo l’Albania nel 1997, la Bosnia nel 1998, il Kosovo nel 2000, l’Iraq nel 2004 e l’Afghanistan nel 2008. Alla Brigata “Ariete” va il merito di aver condotto le varie attività di competenza nel pieno rispetto della risoluzione 1701, consolidando l’immagine del contingente italiano.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©