Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

La compagnia napoletana Skaramacay al festival di Amman in Giordania


La compagnia napoletana Skaramacay al festival di Amman in Giordania
24/03/2010, 12:03


NAPOLI - La Skaramacay Art Factory presenterà al XVI Amman International Theatre Festival il suo ultimo spettacolo 'Kalifoo Ground', la docudanza inspirata ai sanguinosi eventi di Castelvolturno che costarono la vota a sei immigrati ghanesi. La regista e coreografa napoletana Erminia Sticchi, fondatrice della compagnia napoletana, è stata invitata a partecipare al festival di Amman per l'alto valore simbolico dello spettacolo e per l'originalità della performance. “Kalifoo Ground” è una docudanza ispirata a fatti realmente accaduti, ricorda la strage di Castelvolturno, ma non solo: è lo sgomento, la frustrazione, la rabbia di popoli che fuggono dal Purgatorio della propria Terra per ritrovarsi nell'inferno dell'ignoranza di chi giudica un uomo dal colore della pelle. Il nuovo progetto Skaramacay si sviluppa su di un palcoscenico multietnico dove l'arte aggrega etnie e culture differenti per lanciare un nuovo messaggio di unione e solidarietà attraverso il linguaggio universale della danza. Con la partecipazione straordinaria di Ernesto Maiheux, i danzatori e attori della Skaramacay, si esibiranno ad Amman il 2 e il 3 aprile. La Skaramacay rappresenterà l'Italia in una delle manifestazioni internazionali, dedicate al teatro e al teatro sociale, più rappresentative. Dal 27 marzo, giorno di apertura del festival al 7 aprile, giorno di chiusura, Amman diventerà la capitale internazionale del teatro, ospitando dibattiti, reading, spettacoli, di esperti, artisti, compagnie, provenienti da tutto il mondo, dagli Stati Uniti, dalla Germania, dal Marocco, Libano, Spagna, Tunisia. “Quello tra Napoli e Amman – ha spiegato Erminia Sticchi – è un gemellaggio importantissimo e fondamentale per discutere di nuove prospettive di globalizzazione artistica. La nostra compagnia avrà modo di confrontarsi con realtà provenienti da tutto il mondo, con esperienze artistiche diverse e variegate”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©