Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Adesso il Presidente Klaus dovrebbe firmare

La Corte Costituzionale ceca dà l'OK al Trattato di Lisbona


La Corte Costituzionale ceca dà l'OK al Trattato di Lisbona
03/11/2009, 09:11

BRNO (REPUBBLICA CECA) - La Corte di Brno, che svolge funzioni equivalenti alla nostra Corte Costituzionale, ha sentenziato che non ci sono incompatibilità tra la Costituzione ceca e il Trattato di Lisbona. In questo modo cade l'ultimo ostacolo rimasto, che impedisca al Presidente Vaclav Klaus di firmare il Trattato. Infatti la Repubblica Ceca è uno degli ultimi Stati che non hanno ancora firmato il Trattato, a causa dell'euroscetticismo di Klaus. Nei giorni scorsi lo Stato ha incassato anche la deroga all'applicazione del Trattato, in modo da dover evitare di rispondere dell'espulsione dal territorio della Cecoslovacchia dei Sudeti (persone di origine tedesca che vivevano nella zona montuosa situata nella zona occidentale della Repubblica Ceca) avvenuta alla fine della Seconda Guerra Mondiale.
A questo punto la firma di Klaus dovrebbe essere un mero atto formale e il Trattato di Lisbona dovrebbe entrare in vigore.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©