Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

I due autori della scherzo si difendono

La dj australiana: “Non smetto di pensare all'infermiera”


La dj australiana: “Non smetto di pensare all'infermiera”
10/12/2012, 10:25

LONDRA – Ancora lacrime per lo scherzo radiofonico finito in tragedia per la povera infermiera Jacintha Saldanha.
A parlare, adesso, è Mel Greig, la speaker australiana che aveva imitato nel fatale scherzo radiofonico la Regina ElisabettaII : “La prima cosa che ho chiesto è se avesse figli, spero che i suoi familiari stiano bene, lo spero davvero”, ha dichiarato la donna.
“Non riesco a smettere di pensare all'infermiera indiana Jacintha Saldanha”, ha aggiunto tra i singhiozzi la dj.
Intanto, secondo alcune fonti, Michael Christian e Mel Greig, sono stati condotti in un posto ignoto, per poter difendersi dal linciaggio mediatico che dopo il gravoso incidente i due stanno subendo.
Monitorati da medici e psicologi, raccontano di due persone completamente devastante per la scomparsa dell’infermiera indiana .
Intanto, dalla stazione radio australiana 2DayFM, i dirigenti dell’emittente dichiarano di aver eseguito tutte le procedure regolari e di aver fatto cinque tentativi per poter contattare l’infermiera, affinché ottenessero il consenso di trasmettere la trasmissione “È assolutamente vero che abbiamo tentato di contattare queste persone in più occasioni”, aggiungendo che i due presentatori, Mel Greg e Michael Christian, si erano attenuti a tutte le procedure del caso.
Intanto, dall'India si pretende la verità sulla misteriosa morte di Jacintha Sandanha. Il ministro degli Esteri, Salman Khurshid ha dichiarato: “Non abbiamo molte informazioni sul caso e questo ci rattrista . Aspettiamo di sapere cosa è accaduto e perché è accaduto”. 
Secondo il Times of India, il corpo della donna sarà sepolto in India, come ha confermato anche il marito, Benedict Barboza .
Ancora incerta la data della funzione commemorativa, in quanto la polizia londinese sta ancora effettuando le indagini.

Commenta Stampa
di Rosa Alvino
Riproduzione riservata ©