Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Sono documenti dei servizi segreti

La Germania nega la diffusione di documenti sul nazista Adolf Eichmann


Eichmann durante il processo-farsa tenuto contro di lui a Tel Aviv
Eichmann durante il processo-farsa tenuto contro di lui a Tel Aviv
28/06/2013, 19:44

LIPSIA (GERMANIA) - La Corte federale di giustizia di Lipsia ha negato la pubblicazione di alcuni documenti riservati su Adolf Eichmann, ufficiale delle SS che venne incaricato di coordinare il transito dei treni che portavano i deportati verso i campi di concentramento. Un lavoro apparentemente semplice, ma in realtà molto complesso dato che quelle ferrovie servivano anche per trasportare soldati, armi e, almeno fino ad un certo punto, anche civili. 
La Corte ha stabilito che ormai gran parte dei documenti su Eichmann sono pubblici; e quelli che ancota non lo sono, devono restare segretati per motivi di sicurezza dello Stato. Una decisione che non è piaciuta alle comunità ebraiche, che hanno strillato alla censura; peccato che Israele commetta crimini ben più gravi che un po' di cosiddetta censura in nome della "sicurezza dello Stato". In nome di questo principio sta sterminando un popolo, senza che le comunità ebraiche abbiano mai protestato. 
Eichmann, dopo la guerra, scappò in Argentina, probabilmente usando la solita trafila seguita da molti nazisti in fuga: attraversamento del Brennero con mezzi di fortuna, arrivo a Genova o a Livorno (in questo caso Genova) e da qui partenza in nave per l'Argentina con documenti falsi, spesso ottenuti grazie al Vaticano. Qui si stabilì e ci restò sotto falso nome fino al 1961, anno in cui un commando israeliano lo rapì e lo portò in Israele dove, dopo una farsa di processo, venne giustiziato. 
I documenti in questione riguardano proprio il periodo della latitanza in Argentina: sin dal 1952 i servizi segreti tedeschi sapevano che Eichmann era in quel Paese e conoscevano il suo nome. Tuttavia tennero la notizia segreta, nè il governo tedesco fece nulla per chiederne la restituzione al governo argentino. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©