Dal mondo / America

Commenta Stampa

L'indagine si è estesa in tutto il mondo

La Giustizia Usa e la Sec accusano Big Pharma di corruzione


La Giustizia Usa e la Sec accusano Big Pharma di corruzione
06/10/2010, 09:10

USA - Per certi versi è una decisione storica: le Big Pharma, cioè le multinazionali mondiali che dominano il mercato delle medicine, sono sotto indagine da parte del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, in collaborazione con la Security Exchange Council (la società che sorveglia il regolare andamento delle società in Borsa, l'equivalente statunitense della Consob italiana). Società come la Merck, la Bristol-Myers Squibb, la GlaxoSmithKline, l'AstraZeneca dovranno dare spiegazioni ai magistrati maericani che li accusano di avere violato il Foreign Corrupt Pratices Act (la legge sulle ptariche di corruzione all'estero. Come dice lo stesso nome, la legge - varata nel 1977 - vieta alle società americane quotate in Borsa di versare soldi o altre utilità a funzionari o governi esteri per qualsiasi motivo. Le accuse si rifanno a quattro modalità di azioni illecite: mazzette ai medici dipendenti dal governo per spingerli a comprare farmaci, pagamento agli agenti di commercio di "commissioni" da passare a medici dipendenti dai governi, mazzette a cliniche e ospedali per spingere l'acquisto di farmaci particolari, mazzette a politici o a commissioni legislative e sanitarie per far approvare l'uso dei farmaci. I Paesi nei quali si sospetta che si siano verificati episodi di corruzione sono Brasile, Cina, Germania, Polonia, Russia, Arabia Saudita. E naturalmente dall'Italia, dove la corruzione è regola.
La decisione si inquadra in una situazione di conflitto tra l'amministrazione Obama e le Big Pharma, iniziata con la riforma sanitaria. Che, sebbene in sostanza non abbia modificato nulla, costituisce un pericoloso (per le società farmaceutiche) segnale di interferenza nel governo in un territorio dove loro spadroneggiano tranquillamente, con comportamenti spesso ai limiti della legge che danneggiano i cittadini meno abbienti.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©