Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Scud dei "ribelli" siriani contro bombardamenti iracheni

La guerra in Siria si allarga all'Iraq: bombardamenti al confine


La guerra in Siria si allarga all'Iraq: bombardamenti al confine
02/03/2013, 17:12

BAGHDAD (IRAQ) - Secondo la Tv satellitare Al Arabiya, l'aviazione irachena avrebbe bombardato postazioni dei cosiddetti "ribelli" al regime di Assad in Siria. Anche Russian Today riporta la notizia, precisando che il bombardamento avrebbe aiutato l'esercito regolare a conquistare un importante avamposto vicino al confine siriano-iracheno. 
Il governo iracheno non ha confermato nè smentito l'accaduto, ma ha denunciato il fatto che negli ultimi tempi alcuni paesi al confine sono stati bombardati con colpi di mortaio o con lanci di missili Scud. E ci sono stati diversi feriti, che vanno ad aggiungersi a coloro che sono stati feriti da persone che sparavano al di là del confine. 
Contemporaneamente, l'agenzia stampa siriana di Stato, Sana, ha comunicato che l'esercito regolare ha conquistato una serie di villaggi nei dintorni di Aleppo, una delle più grandi città del Paese. In particolare, si tratta di villaggi lungo l'autostrada che va verso Hama. Si tratta di una zona nevralgica, tanto che l'esercito e i "ribelli" (in realtà un esercito di mercenari, finanziato dal Qatar, addestrato dalla Blackwaters - una società di contractors statunitense - armato da Usa ed Israele e che si addestra in Turchia) stanno combattendo da molto tempo per il possesso di questa zona, che permette a chi la controlla di rifornire meglio le proprie truppe. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©