Dal mondo / Australia

Commenta Stampa

Il parlamento oggi ha modificato la legge del 1955

La Nuova Zelanda legalizza i matrimoni gay

La proposta di legge è stata approvata con 77 voti contro 44

La Nuova Zelanda legalizza i matrimoni gay
17/04/2013, 19:02

WELLINGTON (NUOVA ZELANDA) – Il parlamento della Nuova Zelanda ha approvato la riforma sulla legge che disciplina il matrimonio, legalizzando le nozze tra persone dello stesso sesso. La proposta di legge, presentata in parlamento dalla laburista Louisa Wall, è stata largamente appoggiata anche dal premier conservatore John Key. Approvata con 77 voti contro 44, la legge approvata oggi ridefinisce il matrimonio come un’unione tra due persone, anziché come l’unione fra un uomo e una donna. “Nella nostra società il matrimonio ha un valore universale”, ha commentato Louisa Wall.

Nonostante la dura opposizione delle associazioni cattoliche, la legge è passata con una larga maggioranza. In questo modo la Nuova Zelanda è diventata il 13esimo paese al mondo – il primo dell’area Asia-Pacifico – ad aver approvato il matrimonio tra persone dello stesso sesso. Stando ai sondaggi , il 70% della popolazione si era dichiarata favorevole alla riforma della precedente legge sul matrimonio, in vigore dal 1955. Una legge analoga è stata approvata lo scorso 11 aprile anche in Uruguay.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©