Dal mondo / America

Commenta Stampa

La rapida involuzione di Barak Obama


La rapida involuzione di Barak Obama
17/11/2009, 14:11


NEW YORK - Obama si identifica sempre di più nel suo predecessore in tutte le questioni. In Cina ha fatto propaganda per i diritti civili ed umani (SIC!) istigando i giovani di Shangay a reclamarli.
Ma, per quanto lo riguarda non ha revocato la Patriot Act nè fatto chiudere Guantanamo Ha fatto trasmettere il suo sermone in internet lodandone la libertà da interessato dal momento che internet e telefonini gli servono a fomentare rivolte nei paesi che gli Usa vogliono destabilizzare. Ha chiesto provocatoriamente ai cinesi di ricevere il Dalai Lama e si è rifiutato di riconoscere la sovranità della Cina sul Tibet . Provate a pensare se i cinesi gli chiedessero di ricevere il capo del mormoni e se questo rivendicasse la secessione dell'Utah dagli Stati Uniti. Finge di continuare a credere alla centrale Alqaeda ed all'ineffabile Bin Laden e fa bombardare villaggi massacrando famiglie inermi e provocando lo sfollamento di migliaia di persone che poi vanno a perdersi ed a morire di stenti in
spaventosi campi profughi. . L'altro giorno, non so come, tg3 ci mostrò uno sfollato in uno dei questi campi che cercava di vendere la figlioletta per pagare il medico al fratello morente. Ha fatto macchina indietro a tutta forza sulla questione del clima che era stata il suo cavallo di battaglia. "dobbiamo salvare il pianeta " diceva nelle assemblee e tante anime belle sempre pronte a credere in qualcuno sono diventati obamiane e lo hanno ravvisato come San Michele Arcangelo che trafigge il drago malvagio dell'inquinamento!!
In quanto ai suoi connazionali . dopo aver promesso l'assistenza sanitaria come diritto di tutti o non solo di coloro che hanno i soldi per pagarsela ha partorito un mostriciattolo, una vera presa in giro, un documento di duemila pagina con le quali si inventa una assicurazione pubblica che non intaccherà gli asociali interessi del business delle compagnie private che artigliano il 17% del reddito nazionale.
Si accinge inoltre a mandare altri trenta o quarantamila soldati in Afghanistan in aggiunta ai trecentomila tra soldati e contractors di stanza tra Afghanistan ed Irak. Gli USA hanno venticinque milioni di veterani in gran parte mutilati, pazzi, spesso suicidi per le atrocità che hanno vissuto ed alle quali sono stati costretti da un esercito che non ha niente da invidiare ai nazisti delle SS. Molti di loro si trasferiscono in Messico perchè la pensione è tanto miserabile da non consentire di vivere negli USA: Non si è posto il problema dei suicidi e delle diserzioni dei soldati americani nè dei bambini deformi che nascono a Falluja bombardata al fosforo dal suo predecessore.
Ora si accinge a processare cinque "terroristi" dopo averli tenuti e torturati per otto anni a Guantanamo. Con arroganza ha dichiarato che chiederà per loro la pena di morte e sta preparando l'opinione pubblica ad assistere il patibolo come ha fatto il suo predecessore con Sadam Hussein impiccato in presa diretta tv mondovisione.
La sua linea non è la pace ma la sottomissione del mondo al suo modello ideologico e religioso. Migliaia e migliaia di esperti, di militari e specializzati lavorano ai progetti di destabilizzazione o di
annichilimento dei Paesi non anjcora presidiati da almeno una base militare USA.
Non tollera nell'estremismo fondamentalistico della sua "missione" politica nessuna civiltà diversa dalla sua.Non ha esitato a distruggere quanto restava della civiltà assiro-babilonese e del patrimonio
che ci tra lasciato. Su Babilonia il manto cementizio di diecine di centimetri di un eliporto dei marines copre le vestigia di seimila anni e che è quasi certo non rivedremo mai più come non rivedremo quanto è stato rubato dal museo di Bagdad.

Commenta Stampa
di Pietro Ancona
Riproduzione riservata ©