Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Sempre pià probabile la procedura di infrazione per Parigi

La Rending contro Sarkozy sui rom:"Pesanti indizi di illegalità"


La Rending contro Sarkozy sui rom:'Pesanti indizi di illegalità'
21/09/2010, 20:09

BRUXELLES - Continua l'asprissimo scontro tra l'Unione Europea e la Francia riguardo le espulsioni dei rom comandate dal governo di Parigi. Dopo il polverone diplomatico scatenato con le dichiarazioni dei giorni scorsi, la commissaria alla Giustizia e diritti dell’UE, Viviane Reding, ha infatti infuocato nuovamente l'arena del dibattito internazionale parlando chiaramente di "pesanti indizi di illegalità" proprio in riferimento alle espulsioni dei nomadi decise dall'esecutivo guidato da Nicolas Sarkozy.
Dopo aver palesato tali presunte irregolarità direttamente alla Commissione sulle Libertà civili, la commissaria oramai nemica giurata del presidente francese, ha dunque fatto intendere che il prossimo incontro previsto per il  29 settembre sarà cruciale e, ovviamente, ancora più delicato di quelli precedenti. In quella sede ed in qualle dataa,  si osserva anche su Liberonews, da Bruxelles potrebbe infatti partire una procedura d'infrazione nei confronti della Francia; con buona pace di chi, come Silvio Berlusconi e i presidenti di Slovacchia e Repubblica Ceca, hanno invece fin da subito mostrato adesione incondizionata alla politica adottata da Sarcozy.

RENDING:"MAI CHIESTO SCUSA ALLA FRANCIA"
Riguardo la precedente e violenta bagarre con il presidente fracese, la vicepresidente dell'Ue ha poi smentito di aver mai chiesto scusa ai nostri cugini d'oltralpe per i toni utilizzatii e le pesanti accuse mosse. "Perchè avrei dovuto"; si è difatti chiesta retoricamente la Rending durante una conferenza stampa. Poco prima, la commissaria europea, aveva dichiarato:"Non ho mai parlato di alcun gruppo etnico o religioso. Ma ho detto che abbiamo costruito l'Europa su certi valori, per evitare che fossero mai più deportate famiglie intere per colpire un individuo la cui attività non piaceva a un governo".

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©