Dal mondo / America

Commenta Stampa

La missione dovrebbe partire tra dieci giorni

La Russa: “200 carabinieri per aiutare Haiti”


La Russa: “200 carabinieri per aiutare Haiti”
19/01/2010, 20:01

GENOVA - Duecento carabinieri per aiutare Haiti. Il contingente di militari si aggiungerà già nei prossimi giorni, alla missione italiana già presente nel Paese sconvolto dal terremoto. Ad annunciarlo è il ministro della Difesa Ignazio La Russa, questa sera nel discorso di saluto ai militari in partenza con la portaerei Cavour, schierati nell'hangar della nave. La missione dei carabinieri, sotto l'egida “ Eurogendfor” ad Haiti,  sarà ufficializzata dal Consiglio dei Ministeri di domani che dovrebbe dare il suo via libera.  Il contingente lavorerà sul territorio per contribuire, in collaborazione con l'Onu, al mantenimento dell'ordine pubblico nel Paese. “'Sono già  stati presi tutti i contatti per poter realizzare questa operazione - ha spiegato il ministro  la Russa- I militari impiegati dovrebbero essere 185 e la missione non dovrebbe avvenire prima di una decina di giorni”. Il Ministro ha poi sottolineato che la presidenza dell'European Gendarmerie Force  è  italiana dal primo gennaio, sotto comando dell'arma dei Carabinieri. ''Qui –continua La Russa- ho portato il saluto del presidente Berlusconi, decisivo nel dare il via libera a questa operazione che vuole portare l'affetto e il sostegno dell'Italia alla popolazione terremotata di Haiti e rappresentata da tanti uomini e donne delle Forze Armate e dalle infermiere della Croce Rossa Italiana''. Infine il Ministro ha aggiunto, rivolgendosi alla missione della portaerei Cavour: “il 90% della missione  sarà finanziato da aziende come Finmeccanica, Fincantieri ed Eni e da altre che collaborano con la Marina Militare. La missione non ha un tempo predeterminato. Abbiamo immaginato 60 giorni - ha concluso La Russa - ma vedremo in corso d'opera".

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©