Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Ahmadinejad: "Non schieratevi contro i nostri nemici"

La Russia cede al ricatto USA: sanzioni contro l'Iran


La Russia cede al ricatto USA: sanzioni contro l'Iran
08/06/2010, 13:06

ISTANBUL (TURCHIA) - Anche Vladimir Putin, primo ministro russo, alla fine ha ceduto ai ricatti degli USA, accettando di approvare all'ONU le sanzioni contro la popolazione civile iraniana. L'ha fatto ad Istanbul, a margine della conferenza sull'interazione e la realizzazione di misure di reciproca fiducia in Asia (Cica): "Abbiamo lavorato molto e crediamo che un accordo sulla risoluzione è stato praticamente trovato. Il nostro punto di vista è che queste decisioni non debbano essere eccessive e non debbano mettere la popolazione iraniana in una posizione difficile che potrebbe creare ostacoli sul percorso dell'uso pacifico del nucleare".
Ahmadinejad questa mattina aveva chiesto alla Russia di non abbandonarlo: "Non schieratevi con i nemici dell'Iran". Ricevuta la risposta negativa da Putin, ha commentato: "Il governo americano e i suoi alleati si sbagliano di grosso se pensano di poter brandire il bastone della risoluzione Onu e poi sedersi a negoziare con noi. Una cosa del genere non accadrà". Per poi ritornare sulla proposta turco-brasiliana sull'arricchimento dell'uranio: "Speriamo ancora che questa opportunità venga colta, ma ci teniamo a dire che è un'occasione che non si ripeterà".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©

Correlati