Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Medvedev presente alla messa del patriarca Kirill

La Russia in festa per il Natale ortodosso


La Russia in festa per il Natale ortodosso
07/01/2010, 20:01

MOSCA - Oggi 7 gennaio la Chiesa ortodossa è in festa perché celebra il Natale.
Infatti le chiese orientali seguono ancora il calendario in vigore prima della riforma di papa Gregorio magno e quindi per loro il natale è dopo la nostra epifania.
Da quando è caduto il comunismo sono sempre di più le persone che affollano i luoghi di culto facendo riacquistare l’antico potere alla Chiesa ortodossa. Ultimamente il Governo russo ha elargito fondi e proprietà sottratte al patriarcato dal comunismo.
Secondo calcoli del ministero dell'Interno circa tre milioni i russi hanno preso parte ai riti del Natale nelle oltre 80 mila fra chiese e monasteri in tutto il paese.
Funzioni religiose anche in tutte le quasi 30 mila chiese ortodosse russe che si trovano in 54 paesi del mondo intero. Alle cerimonie - che secondo la liturgia tradizionale ortodossa sono molto lunghe - hanno partecipato anche il presidente Dmitri Medvedev e il premier Vladimir Putin. Nella sua omelia pronunciata nella immensa Cattedrale gremita da circa cinquemila fedeli, il Patriarca di Mosca e di tutte le Russie Kirill - che ha celebrato per la prima volta i riti solenni del Natale dopo la sua elezione alla fine di gennaio dello scorso anno - ha invocato ''l'aiuto di Dio'' per il presidente Medvedev, augurando pace e successi per la Russia.
Nonostante quello passato sia stato un ''anno non facile'' per la Russia - ha detto Kirill - il 2009 e' stato ''molto importante per la nostra coscienza nazionale. Il popolo e i governanti sono riusciti a superare insieme prove difficili''. Il patriarca ha quindi ringraziato Medvedev per essere riuscito ad aiutare la Russia a ''non scivolare nella crisi profonda nella quale si era venuta a trovare dopo le turbolenze politiche degli anni novanta''.

Commenta Stampa
di Mario Aurilia
Riproduzione riservata ©