Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Ufficialmente si parla di "problemi tecnici"

La Russia sospende fornitura di anti-missile all'Iran


La Russia sospende fornitura di anti-missile all'Iran
17/02/2010, 11:02

TEHERAN - Una fornitura di missili russi S-300 destinata all'Iran non è stata consegnata, ufficialmente per "motivi tecnici". Il vice capo russo dell'Ufficio per la Cooperazione tecnico militare Alexander Fomin ha dato comunicazione dell'avvenuto, specificando che la fornitura avverrà appena i problemi saranno risolti. L'accordo vale 530 milioni di euro ed è un grosso affare per le casse statali russe.
L'S-300 è un missile che viene sparato da un camion appositamente modificato ed è concepito per colpire aerei e missili in un raggio di 130 chilometri. L'Iran ha chiesto di comprarne cinque batterie, e l'utilizzo è ovvio: l'unico Paese della zona che ha missili terra-terra è Israele, che dispone di oltre 100 missili a testata nucleare. Tuttavia le pressioni sulla Russia per impedire queste forniture da parte di USA ed Israele sono enormi, in quanto predisporre questo sbarramento eliminerebbe il rischio di un attacco nucleare israeliano e permetterebbe all'iran di creare un assetto militare difensivo più difficile da superare di quanto non sia ora, in caso di attacco israelo-americano

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©