Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Damasco reagisce alle minacce di Netanyahu

La Siria risponde ad Israele: "Stop attacchi o bombarderemo Tel Aviv"


La Siria risponde ad Israele: 'Stop attacchi o bombarderemo Tel Aviv'
23/01/2019, 09:27

DAMASCO (SIRIA) - Davanti alle minacce israeliane, il governo di Bashar al Assad non si arrende. Domenica Netanyahu aveva minacciato la Siria, avvertendo che avrebbero continuato ad attaccare "obiettivi iraniani in Siria" (in realtà i bombardamenti sono sulle strutture logistiche dell'esercoito siriano e contro i civili siriani, ndr) e che il governo siriano non doveva reagire altrimenti ci sarebbero state conseguenze. La risposta è arrivata dall'ambasciatore siriano all'Onu, Bashar Jaafari, che durante una riunione del Consiglio di Sicurezza dell'Onu ha replicato: "Se il Consiglio non adotta misure per fermare la ripetuta aggressione israeliana in Siria, Damasco eserciterà il suo legittimo diritto all'autodifesa e risponderà all'aggressione all'aeroporto di Damasco nello stesso modo, attaccando l'aeroporto di Tel Aviv". 

Resta da capire se basterà qualche attacco sporadico a fermare Israele o se come al solito i mass media occidentali racconteranno le solite falsità per spingere l'opinione pubblica a chiedere la distruzione della Siria. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©