Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Viene a mancare una fonte di risorse per tagliare l'IMU

La Svizzera smentisce Berlusconi: niente accordo fiscale


La Svizzera smentisce Berlusconi: niente accordo fiscale
22/02/2013, 17:30

ZURIGO (SVIZZERA) - Brutto colpo per la campagna elettorale di Silvio Berlusconi. Proprio in chiusura di campagna elettorale dalla Svizzera arriva un "altolà" che svuota completamente tutte le menzogne raccontate dall'ex premier a proposito della restituzione/abolizione dell'Imu. Infatti, una delle risorse che, a dire di Berlusconi, avrebbe permesso di rinunciare alla tassa sulla casa era l'accordo con la Svizzera per il rientro dei capitali illecitamente esportati. Un accordo che Berlusconi dava per quasi raggiunto, come ha testimoniato anche stamattina in una intervista: "La restituzione dei soldi è certissima. La questione dei soldi non esiste. Parliamo dello 0,5% dei costi dello Stato e poi c'è l'accordo che stiamo trattando con confederazione elvetica". 
Oggi è arrivata la risposta del Ministro delle Finanze svizzero, Eveline Widmer-Schlumpf, che, rispondendo ad una interrogazione di una deputata del Parlamanto, ha risposto che non c'è alcun accordo invista, anche se sono iniziate le trattative in proposito con il governo Monti; che le cifre ventilate sono assolutamente ipotetiche (Berlusconi aveva parlato di 25-30 miliardi di euro, ndr) e che comunque, anche se venisse trovato un accordo entro la fine dell'anno, non potrebbe diventare esecutivo prima del 2015.  
Così è stata soddisfatta la deputata che voleva sapere chi tra Berlusconi e il governo svizzero bluffasse; e dalla risposta è stato evidente che era il primo a bluffare. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©